LA BELLA GIGOGIN

 

Rataplan!…. Tamburo io sento

che mi chiama alla bandiera.

Oh che gioia, oh che tormento,

io vado a guerreggiar!

 

Rataplan! Non ho paura

delle bombe e dei cannoni

io vado alla ventura

sarà poi quel che sarà.

 

E la bela Gigogin

col tromilerilerela,

la va a spa col so spincin,

col tromilerilerà.

 

A quindici anni facevo all’amore.

Daghela avanti un passo, delizia del mio cuore!

A sedici anni ho preso marito.

Daghela avanti un passo, delizia del mio cuore!

A diciassette mi sono spartita.

Daghela avanti un passo, delizia del mio cuore!

 

La ven, la ve, la ven alla finestra,

l’è tuta, l’è tuta, l’è tuta incipriada,

la dis, la dis, la dis che l’è malada

per non, per non, per non mangià polenta.

Bisogna, bisogna, bisogna aver pazienza,

lassala, lassala, lassala maridà.

 

Le bacia, le baciai il bel visetto.

Cium, cium, cium!

La mi disse, la mi disse: - Oh che diletto.

Cium, cium, cium!

Là più in basso, là più in basso in quel boschetto,

cium, cium, cium,

andrem, andrem  a riposar.

Ta-ra-ra-ta-tà