ADDIO, MIA BELLA, ADDIO

 

Addio, mia bella, addio!

L’Armata se ne va,

trallalà,

e se non partissi anch’io

sarebbe una viltà,

e se non partissi anch’io

sarebbe una viltà.

 

Non piangere mio tesoro

che ben presto tornerò,

trallalà,

ma se in battaglia io moro,

in ciel ti rivedrò,

ma se in battaglia io moro,

in ciel ti rivedrò.

 

Il sacco è preparato,

il fucile l’ho con me – trallalà,

e se non partissi anch’io

sarebbe una viltà,

e se non partissi anch’io

sarebbe una viltà.

 

Ma non ti lascio sola,

ma ti lascio un figlio ancor – trallalà,

sarà quel che ti consola,

sarà il figlio dell’amor,

sarà quel che ti consola,

srà il figlio dell’amor.